Stress ossidativo: un fattore significativo di infertilità maschile

Facebook
LinkedIn
Twitter
E-mail

Il campo della ricerca sullo stress ossidativo, come fattore significativo dell'infertilità maschile, è relativamente nuovo. Tuttavia, è cresciuto rapidamente negli ultimi anni. Si concentra sull'equilibrio tra ossidanti e antiossidanti. E di conseguenza, come influenzano i tessuti negli organismi viventi [1] .

In sostanza, lo stress ossidativo è uno squilibrio tra la produzione di ossidanti (chiamati anche radicali liberi) e la capacità del corpo di contrastare gli effetti dannosi attraverso la neutralizzazione da parte degli antiossidanti. Lo stress ossidativo prolungato può danneggiare e portare alla morte delle cellule. E questo può agire come un fattore significativo di infertilità maschile.

Gli ossidanti o gli agenti ossidanti sono sottoprodotti generati attraverso diverse reazioni all'interno del nostro corpo. Nello sperma, gli ossidanti possono portare a danni alle proteine, perossidazione lipidica (distruzione dei lipidi), apoptosi (morte cellulare controllata) e danni al DNA che ne indeboliscono il potenziale di fecondazione [1][2][3].

Antiossidanti, la nostra autodifesa contro l'ossidazione

Gli antiossidanti descrivono un'ampia categoria di sostanze che possono inibire l'ossidazione e proteggere il nostro corpo dagli effetti dannosi degli ossidanti. Il loro ruolo è quello di neutralizzare gli ossidanti, mantenendo l'equilibrio richiesto all'interno delle cellule, per proteggerle dal farsi male (e possibilmente portare all'infertilità maschile) [1] [4].

L'elenco degli antiossidanti è lungo. Di conseguenza, può essere suddiviso in quelli che sono:

  • prodotti naturalmente nel nostro corpo (es. glutatione, catalasi)
  • presenti negli alimenti chiamati antiossidanti dietetici (vitamine, minerali, carotenoidi, polifenoli, ecc.)[3].

Antiossidanti

Ossidanti

Bacche (fragole, lamponi, more, mirtilli rossi)

Frutta (arancia, kiwi, melograno, pomodori)

Verdure a foglia (cavolo, spinaci, cavolo, lattuga romana)

Altre verdure (carciofi, broccoli, rucola, bock choy)

Erbe aromatiche (zenzero, cannella, curcuma, cumino, cacao, basilico, timo)

Fumo di tabacco o inquinanti atmosferici

Consumo eccessivo di alcol

Stress eccessivo

Consumo eccessivo di calorie, zuccheri, carboidrati raffinati

Infezioni (es. virus, infezione batterica o altro)

Mancanza di sonno

Presenza di un varicocele

Invecchiamento

Quindi, se sei interessato a saperne di più su quali composti alimentari possono aumentare la tua fertilità, consulta il nostro articolo sugli integratori per la fertilità qui.

In che modo lo stress ossidativo influisce sullo sperma umano?

Mentre una bassa produzione di stress ossidativo è necessaria per la normale funzione fisiologica, una produzione eccessiva interrompe l'equilibrio tra ossidanti e antiossidanti e porta una serie di difetti patologici. Questi difetti sono stati direttamente associati a una ridotta funzionalità degli spermatozoi.

Pertanto, gli ossidanti reagiscono con le biomolecole che compongono gli spermatozoi (lipidi, proteine, acidi nucleici, zuccheri)[3] [4]. Il danno ai lipidi, alle proteine e agli zuccheri può inattivare o causare la morte degli spermatozoi. Questo mentre il danno al DNA è correlato a uno scarso tasso di fecondazione, alta frequenza di aborti spontanei e morbilità nella prole [5][6]

Gli spermatozoi sono vulnerabili all'ossidazione perché le loro membrane contengono grandi quantità di acidi grassi insaturi, una certa categoria di acidi grassi molto sensibili all'ossidazione[5]. Inoltre, gli spermatozoi hanno meccanismi di riparazione limitati contro i danni causati dai radicali liberi poiché non hanno gli elementi costitutivi per produrre nuovo materiale [5].

Come combattere il danno degli spermatozoi

Gli studi hanno evidenziato che la nutrizione e l'integrazione svolgono un ruolo chiave nel contrastare gli effetti dannosi sullo sperma. Soprattutto vitamine e minerali si sono rivelati vitali per la protezione contro lo stress ossidativo [7].

Pertanto, il trattamento con antiossidanti può aumentare i parametri dello sperma come il numero di spermatozoi, la motilità degli spermatozoi e la morfologia degli spermatozoi. La più grande fonte di antiossidanti naturali sono frutta e verdura. Consigliamo vivamente di consumare una quantità elevata di frutta come bacche e verdure come verdure a foglia verde, verdure crocifere e pomodori [8] .

Inoltre, un'altra via essenziale per ottenere gli ossidanti è l'attività fisica. È stato dimostrato che l'esercizio fisico per 45 minuti 3 volte a settimana riduce lo stress ossidativo del liquido seminale. Pertanto, ti consigliamo vivamente di svolgere una sorta di attività fisica. Se vuoi saperne di più, dai un'occhiata al nostro post sul blog su come migliorare la fertilità maschile con esercizio

Inoltre, si consiglia vivamente di ridurre al minimo l'esposizione ai fattori legati allo stile di vita, come il fumo, il consumo di alcol, l'esposizione al calore, alle radiazioni e ad altri inquinanti. Questi aumentano lo stress ossidativo e, a loro volta, portano a danni allo sperma, diminuendo il tuo stato di fertilità.

RIQUADRO 1: Cos'è lo stress ossidativo?

Lo stress ossidativo è una condizione associata a un aumento del tasso di danno cellulare nel nostro corpo. È avviato dall'ossigeno e dagli ossidanti derivati dall'ossigeno comunemente noti come specie reattive dell'ossigeno (ROS). I ROS sono agenti ossidanti altamente reattivi appartenenti alla classe dei radicali liberi [2]. Un radicale libero è una molecola o un elemento con un elettrone spaiato che è estremamente reattivo per raggiungere uno stato elettronicamente stabile. Questa proprietà rende i ROS dannosi per molti sistemi viventi poiché prenderanno prontamente atomi di idrogeno da lipidi, proteine e DNA per soddisfare il loro fabbisogno di elettroni. I ROS possono essere prodotti attraverso numerose reazioni nell'atmosfera, nelle piante, negli animali e nei batteri [2].

I ROS più comuni includono:

  • Anione superossido (O2.)
  • Perossido di idrogeno (h2O2)
  • Radicali perossilici (ROO.)
  • Radicali idrossilici (OH.) (il più reattivo)
Facebook
LinkedIn
Twitter
E-mail
Altro da esplorare