Migliora la salute riproduttiva: la tua guida alla fertilità dei micronutrienti

Facebook
LinkedIn
Twitter
E-mail

Esiste un'ampia quantità di prove scientifiche che collegano i micronutrienti al miglioramento della fertilità, della qualità dello sperma e della salute riproduttiva.

In questo articolo puoi trovare le fonti di questi nutrienti chiave e i dosaggi giornalieri raccomandati: la tua guida ai micronutrienti e alla fertilità!

Guida ai micronutrienti e alla fertilità.

Cosa sono i micronutrienti?

In poche parole, sono composti dietetici vitali per il funzionamento ottimale del corpo.

Sono considerati essenziali perché il nostro corpo non è in grado di produrli da solo in quantità sufficiente e dovrebbero essere ottenuti attraverso l'alimentazione o l'integrazione.

Quali sono i micronutrienti di base?

Vitamine sono sostanze organiche e si dividono in vitamine idrosolubili o liposolubili. Ognuna delle 13 vitamine conosciute ha funzioni specifiche nell'organismo e quando la loro assunzione non è sufficiente, possono insorgere disturbi da carenza vitaminica.

Minerali sono nutrienti inorganici che svolgono anche un ruolo vitale nella salute umana e sono fortemente correlati all'infertilità[1]. Un sottogruppo di minerali, oligoelementi (es. rame, selenio, zinco), sono presenti in piccole quantità nell'organismo e sono indispensabili per le normali funzioni metaboliche. Sono componenti strutturali in molti enzimi.

Antiossidanti sono una categoria specifica di vitamine e minerali che hanno la capacità di disattivare i composti dannosi naturalmente presenti nel corpo chiamati radicali liberi e promuovere una buona salute. Gli antiossidanti includono sostanze come vitamina A, vitamina C, vitamina E, selenio, astaxantina e licopene.

Lo sapevate:

Bacche come mirtilli, more, mirtilli, e fragole hanno impressionanti profili nutrizionali. Sono particolarmente ricchi di fibra, vitamine, e antiossidanti e sono a basso contenuto calorico. Mangiare costantemente la giusta quantità di queste bacche è stato associato a molti benefici per la salute. Puoi iniziare la giornata con un frullato ricco di frutti di bosco e approfittarne dei benefici [4].

Guida alla fertilità dei micronutrienti

Questa sezione è una panoramica dei principali micronutrienti e della loro influenza sulla fertilità maschile.

Vitamina A è una vitamina liposolubile che svolge un ruolo importante nel mantenimento di un sistema immunitario, visione, riproduzione e crescita cellulare ottimali.

Ha proprietà antiossidanti e supporta la crescita cellulare. Quando uno studio ha combinato la vitamina A con altri antiossidanti, ha migliorato il numero di spermatozoi (numero di spermatozoi in un campione) e la motilità (la loro capacità di nuotare)[1].

Fonti naturali primarie:  Fegato, tuorlo d'uovo, latticini, arance, mango, peperoni, spinaci, carote.

Vitamina B9 o folato è una vitamina idrosolubile di cui il nostro corpo ha bisogno per produrre DNA e altro materiale genetico.

È stato dimostrato che la terapia di integrazione con acido folico, zinco e antiossidanti aumenta il numero e la motilità degli spermatozoi e riduce la frammentazione del DNA dello sperma negli uomini [2][9][17].

Fonti naturali primarie: Verdure a foglia scura, agrumi, fegato di manzo, noci, fagioli.

Guida alla fertilità dei micronutrienti

 Vitamina C è una vitamina idrosolubile che contribuisce a molte reazioni nel corpo e ha anche proprietà antiossidanti molto forti. La vitamina C è altamente concentrata nel plasma seminale (il liquido che costituisce lo sperma) e la combinazione con altri antiossidanti è stata associata a miglioramenti della qualità dello sperma [5][6].

Fonti naturali primarie: Agrumi, pomodoro, verdure a foglia verde. 

Vitamina D è una vitamina liposolubile con ruoli importanti nel nostro corpo. La giusta quantità di vitamina D è necessaria per mantenere un sistema immunitario sano e un sistema ormonale e nervoso ottimale.

Un altro ruolo importante è il suo coinvolgimento nell'assorbimento del calcio e nel mantenimento di ossa e pelle sane. È stato anche suggerito che la vitamina D abbia un ruolo benefico nella riproduzione maschile nei testicoli [15][16].

Fonti alimentari primarie: Pesce grasso, formaggio, tuorli d'uovo, fegato di manzo.

Vitamina E è una vitamina liposolubile che appartiene al tocoferolo famiglia. È un potente composto antiossidante che protegge le membrane cellulari.

Inoltre, se combinato con la vitamina C, ha mostrato proprietà antiossidanti ancora più forti. L'integrazione di vitamina E con oligoelementi ha dimostrato di aumentare la motilità degli spermatozoi [5][7].

Fonti naturali primarie: Uova, latticini, oli vegetali, avocado, noci, verdure a foglia verde.

Selenio protegge il corpo dallo stress ossidativo e ha la capacità di regolare gli ormoni tiroidei. Il selenio in combinazione con gli antiossidanti sembra migliorare il numero, la motilità e la morfologia degli spermatozoi (la forma del tuo sperma) [1][7].

Fonti naturali primarie: Frutti di mare, carne, latticini, noci, funghi, cereali integrali.

Zinco è un minerale traccia con un ruolo chiave nello sviluppo testicolare, nella produzione di testosterone e nella funzione ormonale.

La terapia con zinco solo con zinco o in combinazione con altri nutrienti sembra aumentare la motilità e la concentrazione degli spermatozoi [8][9].

Fonti naturali primarie: Carne, pollame, crostacei, legumi, funghi, cereali integrali.

Guida alla fertilità dei micronutrienti

Acidi grassi omega-3: sono una categoria di acidi grassi polinsaturi, che troviamo principalmente negli oli di pesce. Sono un componente chiave per una dieta sana poiché sono in grado di inibire le reazioni ossidative nel corpo.

L'assunzione di acidi grassi omega-3 ha migliorato il numero, la motilità e la morfologia degli spermatozoi in due studi su uomini oligospermici (basso numero di spermatozoi) [3][10].

Fonti naturali primarie: Pesci grassi, crostacei, semi, legumi, cereali integrali.

Carnitine: derivano dalla sintesi degli amminoacidi lisina e metionina e sono responsabili del trasporto degli acidi grassi a catena lunga nelle cellule.

Le carnitine aiutano il metabolismo degli spermatozoi come fonte di energia per gli spermatozoi e influenzano la motilità e la maturazione degli spermatozoi. Agiscono anche come antiossidanti proteggendo gli spermatozoi dall'ossidazione. Le due forme principali sono la L-carnitina (LC) e la L-acetil-carnitina (LAC).

L'integrazione con LC e LAC ha inoltre dimostrato un miglioramento della motilità e della morfologia degli uomini sub-fertili [11][12].

Fonti naturali primarie: Carne, pesce, crostacei.

Coenzima Q10 (Ubichinone): è un micronutriente liposolubile che svolge un ruolo chiave nel trasporto di elettroni nelle cellule. Ha la capacità di stabilizzare e proteggere le membrane cellulari dallo stress ossidativo, agendo come antiossidante all'interno del sistema riproduttivo maschile.

Il CoQ10 è anche un ingrediente importante nella promozione dell'energia all'interno del tratto intermedio dello sperma e può essere direttamente correlato al numero e alla motilità degli spermatozoi [13][14]

Fonti naturali primarie: Ostriche, fegato di manzo, broccoli, avocado.

Bilancio nutrizionale e stato di fertilità

Il corpo umano è un sistema complesso che ha bisogno di numerosi nutrienti per sostenere la vita e promuovere il tuo benessere. Pertanto, una dieta ben bilanciata, che deriva principalmente da una varietà di prodotti alimentari diversi, è vitale per garantire il normale funzionamento del nostro corpo.

Se la selezione delle giuste combinazioni alimentari sembra un compito complicato, puoi leggere il nostro articolo a riguardo I 20 migliori alimenti per la fertilità" e inizia a cambiare le tue abitudini alimentari oggi.

 

Facebook
LinkedIn
Twitter
E-mail
Altro da esplorare
Comunità

5 padri stimolanti che dovresti seguire

La strada verso la paternità non è sempre facile e può sembrare spaventosa e isolante se le cose non vanno come previsto. Esempi positivi di